15 anni di contributi INPS, quando è possibile andare in pensione

Se abbiamo 15 anni di contributi INPS, possiamo andare in pensione? Sì ma solo in 3 casi. Anche per l’anno 2021 i requisiti per andare in pensione sono gli stessi.

Bisogna aver compiuto 67 anni di età e bisogna possedere almeno 20 anni di contributi. Ma ci sono 3 casi in cui è possibile andare in pensione con 15 anni di contributi INPS.

L’approvazione della Legge n. 503/1992 ha apportato importanti modifiche sui requisiti contributi necessari per accedere alla pensione di vecchiaia. Sono le deroghe Amato che consentono di ricevere la pensione con solo 15 anni di contributi. Ecco quindi i 3 casi:

Il primo caso è che si può accedere alla pensione INPS con 15 anni di contribuzione entro il 31 dicembre del 1992. Il lavoratore può far valere il versamento dei contributi di varia natura, ovvero volontari e da riscatto.

Nel secondo caso, si può andare in pensione con 15 anni di contributi INPS, quando un lavoratore ha autorizzato il versamento dei contributi volontari. Ma questo versamento dovrà risalire ad un periodo antecedente al 31 dicembre del 1992.

Il terzo caso, infine, è possibile accedere alla pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi INPS se si è lavoratori con una lunga storia contributiva. Una persona matura il diritto alla pensione se possiede 25 anni di contributi in un periodo antecedente al raggiungimento dei requisiti. A questo si aggiunge anche l’obbligo del versamento all’ Ago o all’assicurazione generale obbligatoria di almeno 15 anni di questi 25 anni di contribuzione.

In pensione con soli 15 anni di contributi: cosa prevede la Legge Dini?

Secondo la Legge Dini 335/1995 è possibile andare in pensione con 15 anni di contributi con questi requisiti:

– bisogna avere almeno 1 contributo accreditato prima del 31 dicembre del 1995,
-aver maturato almeno 5 anni di contributi dall’anno 1996 in poi.

In base a questa opzione prevista dalla Legge Dini, la pensione viene poi calcolata con il sistema contributivo che è particolarmente penalizzante per il lavoratore che vuole andare in pensione.

Leggi anche: In pensione con 35-40 anni di contributi, è possibile percepire l’assegno INPS?