L’Eleganza Del Riccio – Muriel Barbery

È una cosa terribile, perché in definitiva siamo soltanto dei primati programmati per mangiare, dormire, riprodurci, conquistare e rendere sicuro il nostro territorio, e quelli più tagliati per queste cose, i più animaleschi tra noi, si fanno sempre fregare dagli altri, cioè da quelli che parlano bene ma che non saprebbero difendere il loro giardino, portare a casa un coniglio per cena o procreare come si deve.

riccio

Gli uomini vivono in un mondo in cui sono i deboli a dominare. È un terribile oltraggio alla nostra natura animale, una specie di perversione, di contraddizione profonda.

Cara Mathilda. Lettere a un’amica – Susanna Tamaro

Cercare la speranza e farla crescere, coltivarla in noi stessi e in chi ci sta vicino, non arrendersi a ciò che adesso la società ci impone, alla sua volgarità, alla sua violenza, ma vedere tra queste cose dei segnali di cambiamento, custodirli e alimentarli come nell’antica Roma le Vestali custodivano il fuoco. Senza sonno né distrazione.

Misery – Stephen King

In un libro tutto si sarebbe svolto secondo i piani… ma la vita è sempre così fottutamente caotica! Che dire di un’esistenza in cui alcune delle conversazioni più delicate trovano il modo di svolgersi proprio quando tu hai un pazzesco bisogno di correre al cesso? Un’esistenza dove non ci sono nemmeno i capitoli?

Anche oggi sarà dentro la storia – Alda Merini

Anche oggi sarà dentro la storia
della mia vita. Ma non era l’oggi
che io volevo quand’ero bambina:
oggi è un oggi diverso, senza grida,
afono e grigio come una fontana.
Oggi è l’oggi di ieri manifesto
solo nel mio respiro prigioniero:
o larghe nubi come fonderei
volentieri il mio passo
dentro quel cielo che racchiude tutta
tutta l’avversità del mio destino.

Donne ch’avete – Dante Alighieri

Donne ch’avete intelletto d’amore,
i’ vo’ con voi de la mia donna dire,
non perch’io creda sua laude finire,
ma ragionar per isfogar la mente.
Io dico che pensando il suo valore,
Amor sì dolce mi si fa sentire,
che s’io allora non perdessi ardire,
farei parlando innamorar la gente.
E io non vo’ parlar sì altamente
ch’io divenisse per temenza vile;
ma tratterò del suo stto gentile
a respetto di lei leggeramente,
donne e donzelle amorose, con vui
ché non è cosa da parlarne altrui.

Angelo clama il divino intelletto
e dice: “Sire, nel mondo si vede
maraviglia ne l’atto che procede
d’un anima che ‘nfin qua su risplende”.
Lo cielo, che non have altro difetto
che d’aver lei, al suo segnor la chiede,
e ciascun santo ne grida merzede.
Sola Pietà nostra parte difende,
che parla Dio che di madonna intende:
“Diletti miei, or soffrirete in pace
che vostra spene sia quanto me piace
là ‘vè alcun che perder lei s’attende,
e che dirà ne lo inferno:O mal nati,
io vidi la speranza dei beati.”

Madonna è disiata in sommo cielo:
or voi di sua virtù farvi savere.
Dico, qual vuol gentil donna parere
vada con lei, che quando va per via,
gitta nei cor villani Amore un gelo;
per che onne lor pensiero agghiaccia e pere;
e qual soffrisse di starla a vedere
diverria nobil cosa o si morria.
E quando trova alcun che degno sia
di veder lei, quei prova sua virtute,
che li avvien, ciò che li dona, in salute,
e sì l’umilia, ch’ogni offesa oblia.
Ancor l’ha Dio per maggior grazia dato
che non può mal finir chi l’ha parlato.

Dice di lei Amor: “Cosa mortale
come esser po’, sì adorna e sì pura?”
Poi la riguarda, e fra se stesso giura
che Dio ne intenda di far cosa nova.
Color di perle ha quasi, in forma quale
convene a donna aver, non for misura;
ella è quanto de ben po’ far natura;
per esempio di lei bieltà si prova.
De li occhi suoi, come ch’ella li mova,
escono spirti d’amore infiammati,
che feron li occhi a qual che allor la guati,
e passan sì che ‘l cor ciascun retrova:
voi le vedete Amor pinto nel viso,
là ‘ve non pote alcun mirarla fiso.

Canzone, io so che tu girai parlando
a donne assai, quand’io t’avrò avanzata.
Or t’ammonisco, perch’io t’ho allevata
per figliuola d’Amor giovane e piana,
che là ‘ve giugni tu diche pregando:
“Insegnatemi gir, ch’io son mandata
a quella d cui laude so’ adornata”.
E se non vuoli andar sì come vana,
non restare ove sia gente villana:
ingegnati, se puoi, d’essere palese
solo con donne o con omo cortese,
che ti metteranno là per via tostana.
Tu troverai Amor con esso lei;
raccomandami a lui come tu dei.

Il cielo sopra Berlino – Film

Sì è magnifico vivere di solo spirito, e giorno dopo giorno testimoniare alla gente, per l’eternità, soltanto ciò che è spirituale. Ma a volte la mia eterna esistenza spirituale mi pesa. E allora non vorrei più fluttuare così, in eterno: vorrei sentire un peso dentro di me, che mi levi questa infinitezza legandomi in qualche modo alla terra, a ogni passo, a ogni colpo di vento. Vorrei poter dire: “ora”, “ora”, e “ora”. E non più “da sempre”, “in eterno”. Per esempio… non so… sedersi al tavolo da gioco, ed essere salutato… Anche solo con un cenno… Ogni volta che noi abbiamo fatto qualcosa, era solo per finta. Ci siamo lussati l’anca facendo la lotta, di notte, con uno di quelli: sempre per finta. E ancora per finta abbiamo preso un pesce, per finta ci siamo seduti a un tavolo, abbiamo bevuto, mangiato. Per finta ci siamo fatti arrostire l’agnello e abbiamo chiesto il vino: per finta. Sotto le tende, nel deserto: solo per finta. Non che io voglia generare subito un bambino, o piantare un albero. Ma in fondo sarebbe già qualcosa ritornare a casa dopo un lungo giorno, dar da mangiare al gatto come Philip Marlowe, avere la febbre, le dita nere per aver letto il giornale; non entusiasmarsi solo per lo spirito, ma finalmente anche per un pranzo, per la linea di una nuca, per un orecchio; mentire, e spudoratamente; e camminando sentire che le ossa camminano con te; supporre, magari, invece di sapere sempre tutto… “Ah!”, “oh!”, “ahi!”: poterlo dire, finalmente, invece di “sì” e “amen”.

Umano, troppo umano – Friedrich Nietzsche

La più nobile specie di bellezza è quella che non trascina a un tratto, che non scatena assalti tempestosi e inebrianti (una tale bellezza suscita facilmente nausea), ma che si insinua lentamente, che quasi inavvertitamente si porta via con sé e che un giorno ci si ritrova davanti in sogno, ma che alla fine, dopo aver a lungo con modestia giaciuto nel nostro cuore, si impossessa completamente di noi e ci riempie gli occhi di lacrime e il cuore di nostalgia.

Furbi – Charles Bukowski

I furbi scendono la corrente come pesci bianchi
sulla cresta d’acque blu, oltre le rapide.
I furbi, con le loro gole e sopracciglia da furbi,
i loro furbi peli nel naso, entrambe le scarpe allacciate, tutte le tragedie cancellate,
denti splendenti.
I furbi non si scompongono. Anche le loro morti sono morti al quadrato, furbi furbi furbi.
Hanno case migliori, auto migliori, risate migliori.
Persino i loro incubi sono sogni sgargianti.
Questi furbi ti siedono di fronte, con un sorriso pulito, che li riempe, financo i capelli sprizzano nitore.
Quanto ho vissuto e quanti ne ho visti.
Sapete cos’è davvero la morte?
È uno di questi furbi rottinculo che ti stringe la mano e ti abbraccia.
Sapete cos’è davvero la morte?
Venite a vedermi mentre allungo la carta di credito
al cameriere disprezzandovi. O peggio.

Chi è ll’ommo? – Antonio De Curtis (Totò)

Nun songo nu grand’ommo
nun songo nu scienziato.
‘A scola nun sò gghiuto
nisciuno m’ha mannato.
S’ i’ songo intelliggente?
e m’ ‘o spiate a mme?
I’ songo nato a Napule,
che ne pozzo sapè?!
Appartengo alla massa…
a chella folla ‘e ggente
ca nun capisce proprio ‘o riesto ‘e niente.
Però ve pozzo dicere na cosa:
campanno notte e ghiuomo a stu paese
pur i’ me sò ‘mparato quacche cosa,
quaccosa ca se chiamma umanità.
Senza sapè nè leggere e nè scrivere,
da onesto cittadino anarfabbeta,
ve pozzo parlà ‘ncopp’ a n’ argomento
ca certamente ve po’ interessà: chi è ll’ommo.
Ll’ommo è nu pupazzo ‘e carne
cu sango e cu cervello
ca primma ‘e venì al mondo
(cioè ‘ncopp’ a sta terra)
madre natura, ca è sempre priviggente,
l’ha miso ‘nfunno ‘a ll’anema,
cusuto dint’o core, na vurzella
cu dinto tante e tante pupazzielle
che saccio: ‘o mariuncello,
na strega ‘e Beneviento,
nu scienziatiello atomico
cu a faccia indisponente,
nu bello Capo ‘e Stato
vestuto ‘a Pulcinella;
curtielle, accette, strummolo
e quacche sciabbulella.
Penzanno ca ‘o pupazzo
nu juomo se fa ommo,
si se vò divertì,
chesto ‘o ppò fa. E comme?
Sceglienno ‘a dint’ ‘o mazzo
ca tene dint’ ‘a vurzella,
chello ca cchiù lle piace
fra tutte ‘e pazzielle.
Si po’ sentite ‘e dicere:
“‘O tale hanno arrestato!
Era uno senza scrupolo:
pazziava al peculato.
E trene nun camminano?
‘A posta s’he fermata?”.
Chi tene ‘mmano ‘o strummolo,
pazzianno s’he spassato.
‘O scienziatiello atomico
ch’ ‘a bomba ‘a tena stretta
“Madonna! – tremma ‘o popolo-
E si mo chisto ‘a jetta?”.
Guardate che disgrazia
si ‘a sciabbulella afferra
nu capo ca è lunatico:
te fa scuppià na guerra.
Senza penzà ca ‘o popolo:
mamme, mugliere e figlie,
chiagneno a tante ‘e lacreme.
Distrutte sò ‘e famiglie!
A sti pupazze ‘e carne affocaggente
l’avessame educà cu ‘o manganiello,
oppure, la natura priviggente,
avess’ ‘a fa turnà nu Masaniello.
Ma ‘e ccose no… nun cagnano
e v’ ‘o dich’i’ ‘o pecchè:
nuie simme tanta pecure…
facimmo sempe “mbee”.

Regala ciò che non hai – Alessandro Manzoni

Occupati dei guai, dei problemi
del tuo prossimo.
Prenditi a cuore gli affanni,
le esigenze di chi ti sta vicino.
Regala agli altri la luce che non hai,
la forza che non possiedi,
la speranza che senti vacillare in te,
la fiducia di cui sei privo.
Illuminali dal tuo buio.
Arricchiscili con la tua povertà.
Regala un sorriso
quando tu hai voglia di piangere.
Produci serenità
dalla tempesta che hai dentro.
“Ecco, quello che non ho te lo dono”.
Questo è il tuo paradosso.
Ti accorgerai che la gioia
a poco a poco entrerà in te,
invaderà il tuo essere,
diventerà veramente tua nella misura
in cui l’avrai regalata agli altri

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...