4 malattie per accedere senza età alla pensione di invalidità

Le percentuali per riconoscere il diritto alla pensione di invalidità sono più alte se si soffre di una queste 4 malattie senza età. I soggetti con menomazioni e infermità di tipo sensoriale o psicofisico, hanno diritto a delle agevolazioni e sussidi economici. Se la disabilità è limitante e permanente é possibile ottenere prestazioni previdenziali. Ma anche sgravi fiscali.

Vediamo quali sono le 4 malattie:

Se la persona è invalida ed ha difficoltà a svolgere autonomamente le mansioni quotidiane, può ottenere degli aiuti economici per coprire le spese di assistenza. Ma c’è differenza tra l’assegno e la pensione di invalidità. I sussidi economici dipendono dal grado di infermità del disabile che richiede l’agevolazione.

Per ottenere il diritto a ricevere la pensione di invalidità, serve una specifica Commissione INPS effettui una visita di accertamento. Una volta accertato il grado di infermità, il medico assegna una classe di gravità con cui poi viene calcolata la percentuale di disabilità del soggetto.

Sullo stesso argomento ti consigliamo di leggere anche: Pensione casalinghe: gli importi e le possibili soluzioni

I contribuenti che risultano affetti da patologie del tutto invalidanti, il trattamento pensionistico è pari al 100%. Le malattie cardiache fanno parte di questa agevolazione ma anche quelle che riguardano altri apparati.

Chi soffre di una di queste 4 malattie senza età può accedere subito alla pensione di invalidità

Ad esempio, ci sono alcune patologie che colpiscono indipendentemente dall’età della persona, si può essere giovani o anziani, ma comportano una inabilità assoluta.

Ci sono alcuni disturbi dell’apparato psichico come l’influenza mentale o la demenza grave che rendono il soggetto invalido al 100%. E ancora, c’è la sindrome schizofrenica cronica e i disturbi ciclotimici più severi che richiedono costanti terapie.

Insomma, il diritto alla pensione di invalidità va a sostegno della mancata o limitata possibilità di autonomia della persona disabile.

Potrebbe interessarti anche: In pensione 5 o 10 anni prima? Ecco le possibili soluzioni