Aiuti economici per lavoratrici e disoccupate

Arrivano degli aiuti economici per le lavoratrici e le donne disoccupate. Infatti, nel 2021 potranno beneficiare di una serie di vantaggi economici per agevolarle nelle spese di mantenimento dei figli. Ma vediamo tutti i dettagli:

Aiuti economici per lavoratrici e donne disoccupate: cosa c’è da sapere

Le donne disoccupate e lavoratrici potranno godere di vari benefici messi a punto per incentivare l’occupazione femminile con sgravi contributivi. Alcune potranno ricevere degli aiuti economici da 500 a 800 euro senza limiti di reddito.

Questa agevolazione spetta a chi ha un nucleo familiare in cui rientrano figli fiscalmente a carico e si ha anche la possibilità di fruire di ammortizzatori economici. Per questi bonus non è richiesta la presentazione dell’Isee e non servono particolari requisiti reddituali. Gli assegni, quindi, spettano ad alcune categorie di contribuenti donne senza valutare la loro situazione economica.

A chi spettano gli aiuti economici

Se nel nucleo familiare rientrano più figli fiscalmente a carico, aumentano le possibilità di fluire di ammortizzatori economici. Può fare richiesta anche chi non vive in situazioni di svantaggio finanziario.

Come già accennato, non vi sono soglie reddituali per riconoscere i vari bonus come il bonus mamma e l’assegno di natalità. Questo perché sono misure premiali che hanno l’obiettivo di incentivare le nascite. Fra gli aiuti economici da 500 a 800 euro per lavoratrici e disoccupate senza limiti di reddito rientrano anche l’assegno di natalità e il bonus mamma.

Ti consigliamo di leggere anche: Novità per la pensione anticipata: chi può accedervi tra il 2021 e il 2023

L’assegno di natalità spetta alle nuove mamme per i primi 12 mesi di vita. Questo aiuto vale anche in caso di adozione o di affido di preadozione. L’assegno di natalità prima richiedeva la presenza di redditi non superiori ai 25mila euro.

Con la Legge di Bilancio 2020 è possibile beneficiare dell’assegno che oscilla tra gli 80 e i 192 euro. L’Inps per le neomamme e le donne in gravidanza riconosce un assegno di 800 euro che spetta anche in caso di adozione o di affidamento preadottivo.