Arisa e la drammatica confessione che spiazza tutti

Arisa ha voluto condividere alcuni episodi legati alla sua infanzia, specialmente durante la adolescenza. Ha parlato delle forti imposizioni dei suoi genitori e dei cambiamenti improvvisi del suo corpo.

La drammatica confessione di Arisa. Fan spiazzati: “Avevano paura che qualcuno potesse farmi del male”

Un’artista dalla voce unica e soave, Arisa è una cantante con grande talento ma anche tanta simpatia. La donna ha voluto raccontare alcuni episodi vissuti durante la sua adolescenza, un periodo che ha definito il più turbolento della sua vita.

È nata nel 1982 a Genova, Rosalba Pippa, quando era appena maggiorenne ha lasciato la sua casa per trasferirsi a Milano e realizzare il suo sogno. Voleva diventare una cantante di successo e possiamo affermare che ci sia riuscita. In una recenta intervista per Vanity Fair, Arisa ha parlato apertamente del suo passato, quello che ha vissuto prima di affermarsi cantante.

A soli 9 anni, ha svelato, il suo corpo è cresciuto improvvisamente: le prime forme, il seno e l’altezza. Per i suoi genitori non è stato un momento facile da gestire.

“Non mi facevano uscire di casa. Erano terrorizzati, mi vedevano come qualcosa di incontrollabile” ha spiegato la cantante. “Anche perché io ero esuberante, molto aperta” continua. “Avevano paura che qualcuno potesse farmi del male”.

L’amore grande dei genitori li ha spinti a proteggerla affinché non le succedeva nulla. Le hanno imposto molte regole e tolto, forse, la possibilità di vivere a pieno quegli anni.

“Mi hanno protetta molto, ma il loro amore mi toglieva le cose che, a quell’età, era normale facessi. Ancora adesso per certi aspetti sono infantile, non sono una navigata”.

A casa sua si litigava quasi tutti i giorni ed il motivo dei litigi era proprio lei. La prima sigaretta l’ha fumata a nove anni, il primo succhiotto sul collo quando era ancora una bambina. Era tutto un po’ presto e proprio per questo motivo i genitori le hanno imposto dei divieti.