Assegno unico per i figli nel 2022: tutte le informazioni

Dal 1 gennaio del 2022 parte la richiesta per l’ Assegno unico per i figli. Le famiglie italiane potranno fare domanda dal settimo mese di gravidanza e sarà valido fino ai 21 anni dei nostri bambini, senza considerare l’Isee. L’importo varia a seconda del reddito.

Arriva l’ Assegno unico per i figli: requisiti, importi e tutte le informazioni utili

Dunque, a partire dal 2022 i genitori potranno chiedere l’ assegno unico per i figli. Grazie al nuovo decreto del governo Draghi, si potrà usufruire di questa agevolazione.

Ma facciamo chiarezza. Già dal settimo mese di gravidanza e fino alla maggiore età, alcuni casi fino a 21 anni, si può presentare il reddito Isee o anche senza, finendo in automatico nella fascia più alta.

Leggi anche: Assegno unico 2022, quanto prenderà ogni famiglia per ciascun figlio?

L’importo verrà erogato direttamente sul conto corrente indicato nella domanda a partire dall’ 1 marzo. Chi ha un isee non superiore ai 15 mila euro, riceverà un importo massimo che varia a seconda dei figli.

Come fare domanda e quali sono i requisiti Isee

La domanda può essere presentata da un genitore o da chi esercita la potestà genitoriale. I figli maggiorenni, tra i 18 e i 21, possono richiedere personalmente l’assegno.

Ci sono vari fattori che cambiano L’importo dell’assegno unico: numero di figli, disabilità e se entrambi i genitori lavorano.

Come verrà erogato l’ assegno?

L’importo verrà addebitato direttamente sul conto corrente indicato sulla domanda. Infatti, nel modulo, viene richiesto un codice iban. Chi invece percepisce il reddito di cittadinanza, riceveranno l’ assegno nelle stesse modalità in cui percepiscono il sostegno.

La ministra Bonetti ha spiegato perché non viene erogato in busta paga: “È una misura che si rivolge a tutti, a prescindere dalla tipologia di lavoro. Il bonifico è semplice e immediato“.

Ti consigliamo di leggere anche: Attenzione, pensioni: Ape sociale estesa a nuove categorie. Ecco quali sono