Bonus 10mila euro per tutto il 2022: come richiederlo

Sono stati prorogati alcuni bonus, tra questi il bonus 10mila euro per tutto il 2022. Ecco le novità:

Bonus 10mila euro in arrivo per tutto il 2022, a chi spetta? Ecco tutto quello che c’è da sapere

Da quest’anno e fino al 2004 vengono prorogati vari bonus in base all’ultima Legge di Bilancio. In questi troviamo il bonus mobili ed elettrodomestici: la detrazione Irpef riconosciuta dall’Agenzia delle Entrate e prorogata fino al 2024.

Ma sono state fatte alcune modifiche, vediamo come cambia il bonus 10mila euro per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici:

Come già accennato, dal 2022 fino al 2024, il bonus mobili ed elettrodomestici dovrà essere calcolato su un importo massimo di 10mila euro. Dovrà comprendere eventuali spese di trasporto e montaggio per gli acquisti da ripartire in dieci quote annuali di pari valore. La nuova cifra massima agevolabile nel 2022 scende a 10mila euro.

Le modalità di accesso al bonus non cambiano. Potranno beneficiare di questo bonus chi acquista mobili ed elettrodomestici nuovi ed ha realizzato interventi di ristrutturazione edilizia a partire dall’1 gennaio del 2020.

Si può ottenere la detrazione indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Redditi persone fisiche). Spetta solo al contribuente che usufruisce della detrazione per le spese di intervento di recupero del patrimonio edilizio. Per ottenerla, quindi, bisogna aver realizzato una ristrutturazione edilizia o sulle singole unità immobiliari residenziali o su parti comuni di edifici.

Ti consigliamo di leggere anche: Bonus revisione auto: come richiedere il rimborso

Gli interventi che riguardano la detrazione sono: restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti, manutenzione straordinaria. Ma anche ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi. E infine, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia su interi fabbricati.

I lavori dovranno essere stati eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare. O da cooperative edilizie che entro 18 mesi dai lavori, vendono o assegnano l’immobile.