Bonus sociale, a chi spetta e come funziona

Arriva il Bonus sociale, un aiuto per pagare le bollette. Ecco come funziona e chi ne ha diritto.

Il presidente di Arera ha spiegato che grazie grazie all’interazione tra le banche dati dell’Inps e le banche dati di energia, gas e acqua, non sarà necessario per le famiglie richiedere il bonus.

Quindi, lo sconto sulle bollette di luce, acqua e gas avverrà in automatico dal primo gennaio 2021. In questo modo si garantisce “la fruizione a tutti gli aventi diritto ed azzerando i passaggi burocratici, senza peraltro gravare in alcun modo sul Bilancio dello Stato“.

Ti consigliamo di leggere anche: Pensione anticipata, attenzione a questa clausola di salvaguardia: cosa c’è da sapere

Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) ha quindi deciso di applicare degli sconti per le famiglie in difficoltà. Questi sconti vengono però garantiti solo in caso vi siano determinati parametri.

Chi ha diritto al bonus sociale

Potranno ricevere uno sconto sulle bollette tutti i clienti domestici che sono intestatari di un contratto di fornitura di gas, luce e acqua. Ecco i requisiti:

Potranno usufruire del bonus sociale chi ha un nucleo familiare con Isee non superiore a 8.265. Un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico e con indicatore Isee non superiore a 20mila euro. Ed anche un nucleo familiare che percepisce il Reddito di Cittadinanza o la Pensione di Cittadinanza.

Come richiederlo

È possibile presentare domanda entro il 31 dicembre 2020 presso il proprio Comune di residenza. Oppure ci si può rivolgere ad un altro ente designato dal Comune come Caf e Comunità montane.

Il bonus sociale, nello specifico, è riservato a nuclei familiari numerosi, con reddito basso o dove sono presenti persone con disagio fisico.

Potrebbe interessarti anche: Emergenza Coronavirus, secondo i calcoli di un fisico dell’ Università di Trento ci sarà un nuovo picco: ecco quando