Bonus tiroide 2021: requisiti per richiederlo

È possibile richiedere il bonus tiroide 2021 per chi presenta problemi alla ghiandola e possiede determinati requisiti. In questo articolo vi sveliamo tutte informazioni utili.

Bonus tiroide 2021: i requisiti per richiederlo

Chi presenta disturbi alla tiroide può richiedere un assegno mensile per ricevere un aiuto economico sulle spese da sostenere. Le patologie della tiroide, infatti, non solo provocano fastidi ma possono causare altri sintomi che possono compromettere lo stato di salute generale del paziente.

Tra questi, si possono presentare problemi di respirazione e deglutizione a causa della presenza di noduli che possono formarsi all’interno della ghiandola endocrina.

Questi noduli possono essere di natura benigna o maligna e solitamente si presentano tra le donne. In caso di neoplasie maligne è necessaria l’operazione chirurgica per trasportare totalmente o parzialmente la ghiandola.

In caso di prognosi non favorevole, è necessario sottoporsi a delle terapie farmacologiche più o meno invasive. Questo comporta una riduzione della capacità lavorativa del paziente. Per tale ragione è possibile richiedere un’agevolazione o un aiuto economico.

I 2 disturbi che danno subito il diritto al bonus tiroide

Per ricevere la pensione di inabilità, ovvero il bonus tiroide, l’INPS deve riconoscere una percentuale del 100 % di invalidità. Se i disturbi sono meno gravi, corrispondono al 74%. Al 99% si può ricevere un assegno mensile di 286,81 euro.

Per fare richiesta bisogna innanzitutto recarsi presso il proprio medico di famiglia per farsi stilare un certificato introduttivo già presente sul sito INPS. In questo certificato dovranno esserci i dati anagrafici del paziente che attesta il disturbo tiroideo. Poi si deve inoltrare tale documentazione all’INPS tramite i servizi online cui si accede con SPID o CIE.

Ti consigliamo di leggere anche: Bonus diabete 2021: a chi spetta e come ottenerlo

Dopo la compilazione dei dati, la persona che richiede il bonus tiroide riceverà tramite mail o sms l’indicazione della data e del luogo in cui si terrà la visita sanitaria di accertamento.