Colazione prima delle 8:30, perché è importante l’orario?

colazione-prima-delle-830-perche-e-importante-lorario

Sicuramente inizi sempre le tue giornate con la colazione, così come raccomandano gli esperti. Forse però non sai che c’è un orario ideale per farla ovvero prima delle 8:30, ma scopriamo perchè.

Colazione prima delle 8:30. Ecco perché va rispettato l’orario.

Se non sei in grado di rinunciare alla colazione, fai benissimo! Ogni dieta sana prevede al suo interno un primo piatto al mattino, in grado di dare al tuo fisico le energie per iniziare la giornata con il piede giusto.

La prima colazione rappresenta ancora oggi lo specchio dei tempi e delle varie culture alimentari nel mondo. La dolcezza è tipica della colazione mediterranea, il salato del breakfast anglosassone. L’intransigenza di quella cinese, prevede il riso anche al mattino, mentre quella nordica e a base di pesce e burro.

Gli italiani, in quanto ad alimentazione buona e sana riesce a battere tutto il mondo, mentre sulla colazione non siamo così esperti dato che caffè e cornetto non sono l’ideale. Invece una colazione salata, con pane tostato, uova e verdure oppure yogurt con frutta secca o muesli sarebbe perfetta.

C’è anche chi la salta o la sostituisce con un caffè, ma è ormai riconosciuto che non solo non si perde peso, ma c’è il rischi di ingrassare e in ogni caso è meno efficiente ed energico.

Tramite un sondaggio nazionale su salute e nutrizione, i ricercatori hanno notato che chi fa colazione appena sveglio o comunque prima delle ore 8.30 ha livelli di zucchero nel sangue più bassi rispetto a chi fa colazione più tardi.

La colazione non è necessariamente il pasto più importante dell’intera giornata, ma sicuramente svegliarsi al mattino e farla in modo corretto ed equilibrato è in grado di aiutarci ad affrontare bene la giornata, soprattutto con il giusto apporto d’energia necessario al nostro corpo, proprio come ha dichiarato Bonnie Taub-Dix, la famosa dietista registrata e nutrizionista.

Leggi anche: Lyndsey Hoover pesava 146 Kg, ma un giorno ha detto basta: la sua trasformazione