Con il nuovo Dpcm posso vedere i congiunti? Tutte le regole

Con il nuovo Dpcm posso vedere i congiunti Tutte le regole

Con l’entrata in vigore del nuovo Dpcm da Venerdì 6 Novembre, cosa c’è da sapere riguardo ai congiunti? Le nuove misure di restrizione che entreranno in vigore a partire da domani non sono tutte uguali per tutta l’Italia.

Come tutti saprete molto bene, il nostro Paese è ora suddiviso in tre zone, le zone gialle, le zone rosse e le zone arancioni. Ognuna di queste zone ha regole diverse, a seconda della gravità della situazione Covid tra le provincie di ogni regione. Vediamo quindi insieme tutto ciò che c’è da sapere sul nuovo Dpcm in relazione alle visite dai congiunti.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI: Carlo Conti e il giallo sui sintomi del Covid, la sua precisazione.

Con il nuovo Dpcm posso vedere i congiunti? Le regole per le zone gialle, arancioni e rosse

Come detto, ognuna delle tre zone ha regole diverse a livello generale e anche per quanto riguarda le visite ai congiunti. Iniziamo dalle zone gialle, ovvero quelle in cui il rischio è attualmente basso.

Nelle regioni che fanno parte della zona gialla non ci sono restrizioni per quanto riguarda le visite ai congiunti. In queste regioni c’è solo “una forte raccomandazione” del Governo ad evitare quanto più possibile gli spostamenti e dunque anche le visite ai congiunti.

Ricordiamo che le raccomandazioni non sono obblighi legali. Chi abita nelle zone gialle non deve dichiarare i motivi dei propri spostamenti e dunque non è obbligato ad evitare le visite ai congiunti. Va da sé che il Governo si auspica che ogni cittadino segua le raccomandazioni anche senza obblighi di legge.

Per quanto riguarda le zone arancioni, invece, il discorso è diverso. In queste regioni infatti non si può lasciare il proprio Comune di residenza a meno di motivi di salute, lavoro, studio o necessità comprovata. Di conseguenza, le visite ai congiunti sono vietate se questi abitano in un altro Comune dal proprio.

Per le zone rosse invece le restrizioni sono ancora più severe. Chi abita i queste zone non può infatti uscire di casa se non per motivi di comprovata esigenza, salute, lavoro o studio. Ecco che quindi le visite ai congiunti non rientrano nelle uscite che è possibile fare. In attesa di novità, ecco tutto ciò che c’è da sapere sui tempi e le procedure del tampone Covid.