Covid-19: in Italia si va verso lo scenario 4

Covid-19 in Italia si va verso lo scenario 4

Covid-19, nei giorni scorsi il premier Conte aveva affermato di essere all’interno dello scenario di tipo 3, tuttavia come riporta l’Ansa, è più probabile che siamo vicini allo scenario 4.

Nel frattempo in Germania e in Francia è stato deciso di imporre il secondo lockdown. In Italia ieri abbiamo toccato i 27.000 contagi e l’indice di contagio Rt è sempre più alto. Ma cosa prevede lo scenario 4?

Covid-19: troppo vicini allo scenario 4

Fra quelli descritti nel dossier “Prevenzione e risposta a COVID-19“, redatto dall’ISS (Istituto superiore di sanità) è il più grave e dipende dall’indice di contagio Rt. Che secondo l’Ansa, ha superato il valore 1,5 riferito alla settimana dal 12 al 18 ottobre.

Ma cosa rappresenta lo scenario 4? L’Rt superiore a 1,5 è uno dei fattori che rappresenta lo scenario più grave che potrebbe verificarsi nel nostro Paese. Nello scenario 4 potremmo non essere più in grado di tutelare le categorie più deboli, gli ospedali e i servizi assistenziali potrebbero collassare nel giro di un mese e potrebbe verificarsi una trasmissibilità incontrollata.

In questo modo si va dritti verso un nuovo lockdown generalizzato e dalla durata indefinibile, perché tutto dipenderà dall’andamento dell’epidemia. Tra l’altro, lo scenario 4, così come gli altri 3, prevede una sorta di classificazione in tre passaggi del rischio settimanale nelle Regioni/PA:

  • rischio moderato (con una durata di almeno 4 settimane consecutive ad una valutazione del rischio più elevata);
  • Un rischio alto/molto alto (per meno di 3 settimane di fila);
  • rischio alto/molto alto (per 3 o più settimane consecutive e situazione che non è possibile gestire).

Con un terzo e ultimo livello caratterizzato da:

“trasmissione comunitaria diffusa, cluster non più distinti tra loro, nuovi casi non correlati a catene di trasmissione note, pressione sostenuta per i Dipartimenti di Prevenzione”.

Tra le altre considerazioni c’è da valutare l’ipotesi di imporre restrizioni estese Regionali/provinciali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Sospensione del mutuo grazie al Decreto Cura Italia