Covid, ecco quando riapriranno palestre e ristoranti secondo Pregliasco

Covid,-ecco-quando-riapriranno-palestre-e-ristoranti-secondo-Pregliasco

Emergenza Covid, quando riapriranno le palestre e i ristoranti? È questa una delle domande che da ormai molto tempo non trovano risposta e che dall’inizio dell’emergenza Covid perseguitano non solo i ristoratori e i proprietari di palestre, ma anche chi ama questi luoghi.

Siamo di fronte a due tra i settori più colpiti da questa emergenza sanitaria. Due settori che da sempre fanno molto discutere riguardo alle scelte effettuate dal Governo. Vediamo insieme quando potrebbero riaprire secondo l’opinione di Fabrizio Pregliasco.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: truffa delle mascherine false, ecco come riconoscere quelle certificate.

Emergenza Covid, ecco quando riapriranno palestre e ristoranti secondo Fabrizio Pregliasco

A dare la sua opinione riguardo alla riapertura di palestre e ristoranti è Fabrizio Pregliasco, il direttore sanitario del Galeazzi di Milano. Secondo l’esperto, non sarà facile vedere una immediata riapertura di queste attività. Questi settori potranno infatti riaprire quando si potrà tornare ad una pseudo normalità, ovvero quando almeno il 30% della popolazione avrà ricevuto il vaccino.

Secondo l’opinione dell’esperto, ci vorrà ancora qualche mese per arrivare a questa situazione. Alcune forse politiche hanno ipotizzato la riapertura dei ristoranti a partire dalla prossima settimana; secondo il medico non sarà possibile.

Intanto iniziamo a prepararci e cerchiamo di non dare comunicazione maldestre come quelle sulle piste da sci.

Con queste parole, Pregliasco ha voluto sottolineare l’importanza di non dare false speranze, come successo nel caso negli impianti sciistici con comunicazioni fatte all’ultimo minuto. Non è il momento di abbassare la guardia, soprattutto a causa delle varianti che sembrano essere sempre più presenti anche sul nostro territorio.

Secondo Pregliasco, Draghi non farà scelte così diverse da quelle di Conte. È importante tenere sotto controllo il contagio del Coronavirus e aumentare le dosi di vaccino, favorendo una campagna vaccinale molto più rapida. A tal proposito, Draghi inizia a guardare al modello inglese per i vaccini.