Emergenza Covid, affitto ridotto grazie ad un’ordinanza

Emergenza Covid, affitto ridotto grazie ad un'ordinanza

Emergenza Covid, un’ordinanza del tribunale di Roma ha stabilito l’affitto ridotto per chi è stato duramente colpito dalla Pandemia che ha sconvolto e sta sconvolgendo le nostre vite.

Un’ordinanza che crea un importante precedente, lasciando ben sperare tutti quei lavoratori che negli ultimi giorni hanno dovuto fare i conti con nuove restrizioni. Vediamo insieme di che cosa stiamo parlando.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI: Le categorie di lavoratori che riceveranno un’indennità di 800 Euro.

Emergenza Covid, arriva la possibilità di pagare l’affitto ridotto

Sappiamo tutti molto bene che con il Dpcm del 25 Ottobre scorso, il nostro Paese ha dovuto fare i conti con nuove importanti misure di restrizione. Se da una parte c’è la preoccupazione per il virus che ha causato la Pandemia, dall’altra c’è l’ansia di molti lavoratori di non riuscire ad arrivare a fine mese.

Dopo il lockdown di primavera che ha messo in ginocchio l’economia del nostro paese, arriva un secondo semi lockdown per alcune categorie di lavoratori. Primi tra tutti quelli che lavorano all’interno del settore della ristorazione, con l’obbligo di abbassare le serrande alle ore 18, perdendosi molte ore di lavoro.

Ci sono buone notizie per questa categoria di lavoratori, perché un’ordinanza del Tribunale di Roma apre le porte ad una nuova possibilità. Con un’ordinanza del 27 di Agosto, infatti, il Tribunale di Roma ha riconosciuto valida la richiesta di un ristoratore di avere uno sconto sull’affitto del locale.

Secondo la sentenza, infatti, le norme sul distanziamento hanno reso impossibile sfruttare a pieno lo spazio del locale affittato. Durante i mesi del lockdown l’affitto si è ridotto del 40%, mentre fino a Marzo 2021 la riduzione sarà del 20%.

Come detto questa sentenza apre nuove possibilità. La strada sembra essere quella di trovare un accordo tra ristoratore e proprietario del locale. In attesa di novità, ecco le 5 idee di Massimo Bottura per salvare i ristoranti.