Emergenza Covid, ecco le Regioni pronte a cambiare colore

Emergenza Covid, ecco le Regioni pronte a cambiare colore

Emergenza Covid, ci sono altre Regioni pronte a cambiare colore. Ormai conosciamo tutti molto bene la varietà cromatica della nostra penisola e secondo i dati, le modalità scelte dal Governo per il contenimento del virus stanno funzionando.

Ad oggi infatti ci sono alcune Regioni, dichiarate in un primo momento zone rosse, nelle quali i dati sono in netto miglioramento, come ad esempio la Lombardia  e il Piemonte.

Allo stesso tempo però ci sono alcune Regioni pronte a cambiare colore e nelle quali quindi il contagio da Covid sembra non fermarsi. Vediamo insieme tutte le novità e quali potrebbero essere tutti i cambiamenti.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI: Covid, in arrivo un nuovo Dpcm per Natale: la data chiave.

Covid, altre Regioni pronte a cambiare colore: le ultime novità

Mentre in Lombardia e in Piemonte si registrano dati in miglioramento, ci sono altre Regioni della nostra penisola in cui la situazione sembra peggiorare. Nelle prossime ore saranno resi noti i dati del monitoraggio che potrebbero essere determinanti per un cambiamento di zona di alcune Regioni.

Il Piemonte e la Lombardia potrebbero passare dalla zona rossa a quella arancione, anche se sembra quasi certo che ciò non avvenga prima del 27 di Novembre.

Discorso completamente diverso per altre Regioni. La Sicilia, l’Abruzzo, la Puglia e la Basilicata, infatti, sono in netto peggioramento, tanto che l’Abruzzo, in seguito ad un’ordinanza del Governatore Marsili, si trova già praticamente in zona rossa.

Notizie preoccupanti anche dall’Emilia Romagna e dalla Liguria. Queste Regioni si trovano attualmente in zona arancione, anche se non è da escludere un prossimo passaggio in zona rossa.

Ma i cambiamenti non sono finiti qui. Sembra infatti che sul tavolo degli esperti ci siano anche i parametri per decidere il colore di ogni Regione. Attualmente sono 21 parametri, ma sembra che presto possano cambiare per adeguarsi alla situazione presente.

In attesa di novità, ecco le nuove possibili misure dal 3 Dicembre.