Esonero contributi INPS: per questi lavoratori sarà fino al 31 maggio 2021

Esonero contributi INPS per questi lavoratori sarà fino al 31 maggio 2021

Il decreto Ristori prevede l’esonero dei contributi INPS fino al 31 maggio del 2021 per alcune categorie di lavoratori. Vediamo insieme cosa prevede l’ultimo decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri dopo la proposta del Ministro dell’economia e delle finanze Roberto Gualtieri e del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Il decreto Ristori prevede infatti, delle misure economiche dedicate alle attività che dopo l’ultimo Dpcm sono state costrette alla chiusura, parziale o definitiva. Fra le tante misure vale la pena menzionare una in particolare che prevede l’esonero dei contributi INPS fino al 31 maggio 2021.

Esonero contributi INPS: per chi è previsto

Nel decreto Ristori è presente una sezione dedicata ai datori di lavoro che nell’ultimo periodo hanno subito ripercussioni, come la riduzione o la sospensione delle attività lavorative.

Tale misura non è però prevista per coloro che lavorano nel settore agricolo. Per tutti gli altri il decreto Ristori prevede l’esonero dei contributi INPS fino al 31 maggio 2021 e da sfruttare per quattro settimane.

Ma parliamo adesso delle condizioni necessarie per poter usufruire del suddetto esonero. Per poter beneficiare dell’agevolazione, gli organi preposti al controllo dovranno verificare se sussiste la condizione giusta.

L’esonero dei contributi si basa infatti sulla perdita di fatturato effettiva e che deve essere pari a:

  • 50% dei contributi previdenziali per tutti i datori di lavoro che hanno avuto un calo del fatturato inferiore al 20%;
  • 100% dei contributi previdenziali per coloro che hanno avuto un calo di fatturato pari o superiore al 20%.

Inoltre è previsto anche un contributo per tutti coloro che lavorano nel settore agricolo, dell’acquacoltura e della pesca. Le aziende che hanno dovuto fare i conti con conseguenze negative causate dalla pandemia possono infatti richiedere l’esonero dei contributi previdenziali e assistenziali per i mese di novembre 2020.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE ANCHE UN ALTRO ARTICOLO SULLO STESSO ARGOMENTO:

Bonus Bebè 2021, cosa succede con l’assegno unico?