Ilaria Capua, il vaccino anti-Covid potrebbe non funzionare

La virologa Ilaria Capua fa un brusco cambio di rotta sul vaccino anti-Covid, l’esperta ha spiegato quali problemi affronteremo e quali strategie da adottare per combattere il virus.

La docente e ricercatrice dell’Università della Florida, non è del tutto convinta che il vaccino arriverà in poco tempo. In tutto il mondo i laboratori stanno subendo dei rallentamenti per via dei lockdown nazionali.

Il vaccino anti-Covid potrebbe non funzionare secondo l’esperta

Ci sono varie difficoltà logistiche che riguardano anche i vaccini già noti. La dottoressa ha affermato:

“Pensate al vaccino per l’influenza. Lo sappiamo fare e distribuire, eppure non si trova. In questo momento di crisi non si riesce a fare l’upscaling delle dosi di vaccino antinfluenzale per produrne abbastanza”.

E spiega che ad oggi un vaccino per il Coronavirus non c’è. Non si ha ancora la certezza che quelli in via di sviluppo siano efficaci.

“Non sappiamo neanche se l’efficacia possa essere raggiunta con una dose o se ce ne vorranno di più, perché alcuni coronavirus sono dei pessimi immunogeni”, sottolinea la ricercatrice.

Ilaria Capua: “All’inizio non ci saranno abbastanza vaccini per tutti”

La virologa ha poi evidenziato che i vaccini all’inizio non saranno disponibili per tutti. “Se il mondo può produrre per unità di tempo cento milioni di dosi, noi siamo comunque sette miliardi”.

Per questo motivo, è giusto garantire ai medici e tutti gli operatori sanitari le dosi. Se loro si fermano, si ferma tutto di nuovo. “Quando i vaccini saranno pronti e autorizzati, e si conosceranno le caratteristiche di efficacia e di sicurezza, dovranno essere somministrati in maniera organizzata“.

La dottoressa spera che l’Italia seguirà le linee guida europee e internazionali. Ma, aggiunge, è necessario che le persone capiscano che le prime dosi non saranno per tutti.

Leggi anche: Coronavirus, la Cina è tornata alla normalità. Ma come ha fatto?