Ilaria Capua, la rivoluzione nei cinema e nei teatri

Secondo Ilaria Capua, con le prime dosi dei vaccini anti-Covid, si potrebbe sfruttare le sale dei cinema e dei teatri. Questo per evitare che si crei un problema su dove effettuare le vaccinazioni di massa nel nostro Paese.

Sarebbe “la più grande e complicata mai affrontata dal genere umano“. In un’intervista al Corriere della Sera ha lanciato questa idea rivoluzionaria.

Leggi anche: Totti: “Ho avuto il Covid con polmonite bilaterale”

Ecco le sue parole:

“In onore e in memoria delle donne e degli uomini di spettacolo che sono volati via, perché non esplorare un piano di distribuzione e somministrazione del vaccino che sfrutti i cinema ed i teatri oggi vuoti che, a pensarci bene, risulterebbero particolarmente funzionali a questo tipo di attività. Sono in perdita, ed è difficile che riprendano a lavorare finché la situazione dei contagi non sarà sotto controllo”.

Ilaria Capua, cinema e teatri per vaccini di massa

La virologa ha spiegato che queste strutture sono particolarmente adatte per ricevere tantissime persone. Hanno già una modalità di ingresso controllata con un percorso a senso unico fino all’uscita. Inoltre, possiedono “elettricità sufficiente per un congelatore a -70° ed altra strumentazione, ci sono i servizi, ci sono le vie di fuga“.

Ilaria Capua aggiunge:

“I vaccinandi potrebbero sedersi secondo uno schema che rispetti il distanziamento, e nel frattempo agli operatori sanitari risulterebbe più agevole fare il loro lavoro, appunto sfruttando una situazione ordinata di gestione delle operazioni”.

Li ha denominato “CineVax” e potrebbero esseee utilizzati per il recupero delle vaccinazioni pediatriche saltate a causa dell’emergenza Covid. “Magari chissà, con un po’ di tecnologia si potrebbe riuscire anche a mostrare un cortometraggio o ascoltare della musica“.

Ti consigliamo di leggere anche: Quando è più contagioso il Covid? Secondo un recente studio, il virus è contagioso soprattutto nei primi 5 giorni dalla comparsa dei sintomi