Indice Rt in calo ma 11 Regioni a rischio

La situazione Covid nel nostro Paese inizia a dare segnali positivi, l’ indice Rt è in calo ma 11 Regioni sono ancora a rischio. Vediamo quali:

Indice Rt in calo, 11 Regioni rischiano più di altre

Da oggi l’Italia si colora di giallo ad eccezione di 5 Regioni, ma resta ancora alto il rischio di un rialzo dei casi positivi al Covid. Mentre in Europa l’emergenza sanitaria continua a restare grave a causa delle nuove varianti Covid, l’italia può tirare un sospiro di sollievo.

Infatti è calata l’incidenza di casi Covid e l’impatto sui servizi sanitari. Ma questo grazie alle numerose misure restrittive emanate dal Governo durante le vacanze natalizie ed anche alle regole in vigore in zona gialla che non consentono, almeno fino al 15 febbraio, gli spostamenti tra Regioni.

Leggi anche: La previsione nera di Crisanti: ecco cosa accadrà in estate

Ma gli esperti lanciano già l’allarme sull’italia gialla, infatti da oggi quasi tutto il nostro Paese ad eccezione di 5 regioni, è in zona gialla. Quindi stiamo subendo un allentamento delle misure restrittive.

Cosa dice l’ultimo report dell’Istituto Superiore di Sanità

Con l’Italia quasi tutta gialla è alto il rischio di un rialzo dei casi nelle prossime settimane. L’incidenza è ancora lontana dai livelli che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale. Infatti sono ben 11 le Regioni che preoccupano di più. Nella provincia Autonoma di Bolzano l’incidenza dei casi positivi resta ancora molto da alta, infatti tocca i 582,75 casi per 100mila dal 18 al 24 gennaio.

Le Regioni con un rischio basso sono la Basilicata, la Campania, la Calabria, l’Emilia Romagna ed il Molise che è ad alto rischio di progressione. In questa categoria rientra anche il Piemonte, la Sardegna, la Sicilia, la Valle d’Aosta e il Veneto.

A rischio moderato sono l’Abruzzo il Friuli Venezia Giulia, il Lazio, la Liguria, la Lombardia, le Marche, la provincia Autonoma di Bolzano che è ad alto rischio di progressione, la Puglia, la Provincia Autonoma di Trento e la Toscana. L’unica Regione a rischio alto è l’Umbria.