La nuova messa: cambia il Padre Nostro, il Gloria e anche le donazioni

La nuova messa cambia il Padre Nostro, il Gloria e anche le donazioni

Cambia la Messa, cambia il Padre Nostro e il Gloria e arrivano anche le donazioni via bancomat. Novità per i fedeli, con l’introduzione di alcuni significanti cambiamenti voluti proprio da Papa Francesco.

Anche la Chiesa a volte si sgancia dalle tradizioni e si adatta ai tempi che corrono. Complice la Pandemia e il pericolo di contagio tramite l’uso del contante e il passaggio di mano in mano del banconote, una parrocchia ha deciso di introdurre le donazioni via bancomat. Vediamo insieme come cambia la messa, tra Padre Nostro , Gloria e donazioni con il pos.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI: sostegni economici, in arrivo bonus, pensioni e rimborsi.

Cambia la Messa: si modifica il Padre Nostro, il Gloria e anche le donazioni

La prima novità è stata introdotta da una parrocchia in provincia di Cremona, a Cicognara. Proprio per evitare il contagio da Covid, il prete della parrocchia ha deciso di introdurre le donazioni via bancomat e tra i banchi dei fedeli è spuntato un pos.

Ma come detto non si tratta dell’unica novità per i fedeli. Da Domenica 29 Novembre, infatti, arriva la nuova messa voluta da Papa Francesco. A partire dalla prima domenica del calendario dell’avvento ci sarà un uovo messale, così come previsto dalla Conferenza Episcopale Italiana.

Innanzitutto, come detto, si modifica il Padre Nostro. L’esortazione che dice “non ci indurre in tentazione”, diventa “non abbandonarci alla tentazione”. Non solo, perché nella parte che dice “come noi li rimettiamo ai nostri debitori” si aggiungerà un “anche”.

Novità anche per quanto riguarda il Gloria. La frase “pace in terra agli uomini di buona volontà” diventa “pace in terra agli uomini, amati dal Signore”. Si tratta di una traduzione migliore del verbo greco eudokeno.

Come detto tutte queste modifiche sono state volute da Papa Francesco e saranno attive a partire dalla prossima Domenica, il 29 Novembre. Intanto, ecco chi non dovrà pagare le tasse con il Decreto Ristori.