Novità per la pensione anticipata: chi può accedervi tra il 2021 e il 2023

Novità per la pensione anticipata chi può accedervi tra il 2021 e il 2023

Novità per la pensione anticipata che con la nuova Legge di Bilancio del 2021 trova una proroga del periodo per accedere all’accompagnamento alla pensione. Ma che cos’è l’accompagnamento alla pensione previsto dall’Inps? Secondo la Legge, esistono dei casi in cui si possono erogare prestazioni di accompagnamento alla pensione totalmente a carico del datore di lavoro.

Quali sono questi casi? Si può avere nell’ambito di situazioni si crisi, riorganizzazione aziendale, riduzione e trasformazione di attività di lavoro o processi di ristrutturazione. Chi può accedere a questo servizio? Tutti i lavoratori dipendenti con contratto a tempo determinato e anche i dirigenti in esubero, purché rispettino determinati requisiti. Vediamo quindi insieme tutte le novità.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI: Whatsapp, sono in arrivo molto novità, di cui una già disponibile.

Pensione anticipata: ecco le novità

A quanto ammonta l’accompagnamento alla pensione? Secondo la legge, questa prestazione viene erogata a partire dal messe successivo alla risoluzione del contratto. Questa forma non tiene quindi conto della data della presentazione della domanda.

Per quanto riguarda l’importo, si calcola la pensione alla data di cessazione del contatto, alla quale però va esclusa la contribuzione correlata. Questa quota dovrà infatti essere versata dal datore di lavoro per tutte le mensilità in esodo.

L’accompagnamento alla pensione viene corrisposto in tredici mesi grazie ad una rateazione anticipata e con regime fiscale sottoposto ad una tassazione di tipo ordinario.  Come detto, ci sono delle novità a riguardo.

Secondo quanto dichiarato dal messaggio diffuso direttamente dall’Inps, il n.227 dello scorso 20 Gennaio 2021, c’è una proroga delle domande. Queste domande potranno essere infatti presentate entro il 31 Dicembre del 2023.

Il periodo di fruizione continua ad essere fissato ad un massimo di 7 anni. Periodo aumentato dalla Legge di Bilancio del 2018, visto che la Legge Fornero prevedeva un massimo di 4 anni. Ecco invece tutte le novità del Bollo auto, con la nuova proroga della scadenza.