Nuova importante scoperta sul Coronavirus

Arriva una nuova importante scoperta sul Coronavirus, la mascherina potrebbe essere come un “vaccino”. Ebbene sì, potrebbe favorire l’immunità al virus. Uno studio lo conferma, ma c’è ancora bisogno di studiarne l’efficacia.

La mascherina come un ‘vaccino’, potrebbe favorire immunità al virus

Cresce il bisogno di cercare un vaccino sicuro ed efficace per combattere il Covid-19. Ma in queste ore è stata diffusa una nuova importante scoperta. La mascherina, utile per impedire l’ingresso del virus in grandi quantità, potrebbe permettere ad alcune particelle virali di passare e penetrare nelle vie respiratorie. Questo processo può attivare l’imunizzazione contro il Covid. Questa teoria è stata illustrata sul New England Journal of Medicine da Monica Gandhi, infettivologa della University of California di San Francisco.

Leggi anche: Novità per la scuola, la nuova circolare del ministero che mette a dura prova il sistema sanitario

L’infettivologa spiega:

“Puoi avere il virus ma essere asintomatico, quindi con le mascherine puoi aumentare il tasso di infezioni asintomatiche, e magari questo potrebbe diventare un modo per inoculare in maniera sicura il virus nella popolazione”.

“La mascherina è come un vaccino”: nuova scoperta sul coronavirus ma ancora da testare l’efficacia

Ma sarà difficile testare l’efficacia di questo metodo. Per il momento alcuni studi sugli animali hanno mostrato che inoculando piccole dosi del Covid, provoca una malattia blanda, quindi non grave. E se funzionasse anche sull’essere umano? Ormai abbiamo imparato tutti ad indossare la mascherina per evitare la diffusione del virus. Sappiamo quanto sia importante farlo.

Questa nuova scoperta però non dà nessuna certezza che l’infezione asintomatica si accompagni a sviluppo di immunità. Non si tratta di un dato abbastanza forte per confermare che questa rudimentale favorisca l’imunizzazione. Le ricerche continueranno e sicuramente ci saranno aggiornamenti sulla scoperta.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus: Walter Ricciardi esprime le sue preoccupazioni. Possibile picco tra due settimane, a rischio due regioni