Pensione 2021 a 63 anni, ecco i requisiti necessari

Pensione 2021, è possibile richiederla a 63 anni? Sì ma bisogna rispettare dei requisiti. Mancano davvero pochi giorni al 2021 e molti lavoratori si stanno già affacciando alla pensione. Ma per il prossimo anno ci sono delle novità e delle proroghe che interessano l’argomento.

Pensione 2021, come funziona e a chi spetta

Ricordiamo che se si vuole andare prima in pensione, esiste l’APE sociale che consente ai lavoratori di raggiungere prima l’età della pensione di vecchiaia. Ecco quindi chi può avantaggiarsi di tale soluzione:

Ti consigliamo di leggere anche: Esenzione ticket 2021 senza Isee per queste malattie

Il Governo in queste ultime settimane ha dato la possibilità di estendere la platea dei beneficiari per il 2021. Quindi, chi vorrà andare in pensione nel 2021 a 63 anni può farlo con un monte di contributi pari a 30 o 36 anni in base al profilo di tutela. Si potrà fare richiesta per l’APE sociale il 31 marzo, il 15 luglio e il 30 novembre.

Chi può accedere all’Ape sociale

Potranno accedere all’APE i contribuenti che hanno già cessato l’attività lavorativa e non risultano titolari di alcun trattamento pensionistico. Sono:

I disoccupati con almeno 30 anni di contribuzione che versano in stato di disoccupazione,

I caregivers in base alla legge 104/92 con alle spalle almeno 30 anni di contributi,

Gli invalidi civili con almeno 30 anni di contributi e con percentuale non inferiore al 74%,

Tutti quei lavoratori che hanno svolto lavori gravosi ed hanno almeno 36 anni di contributi.

Per quanto riguarda le donne, il requisito contributivo subisce uno sgravio di 12 mesi per ogni figlio fino ad un massimo di 12 anni.

Non vi è alcun cambiamento sulla richiesta dell’APE sociale, bisognerà presentare all’INPS l’istanza di verifica delle condizioni e l’istanza di accesso alla presentazione.

Ti consigliamo di leggere anche: Il Reddito di Cittadinanza potrebbe essere diviso in due: meno soldi a chi ha la possibilità di lavorare. Ecco tutte le novità