Pensione casalinghe: gli importi e le possibili soluzioni

importi pensione casalinghe

Forse non tutti sanno che esiste anche una pensione per le casalinghe, ovvero la cosiddetta pensione sociale. Si tratta di una prestazione assistenziale che non prevede requisiti assicurativi o contributivi.

Possono farne richiesta anche tutte quelle persone che, nel corso della loro vita, non hanno potuto o hanno scelto di non lavorare. Vediamo insieme quali sono gli importi dell’assegno sociale che possono variare in base alla situazione familiare.

Pensione casalinghe: come funziona l’assegno sociale?

Oltre alla pensione sociale coloro che non hanno mai lavorato e versato contributi, possono anche pensare a un Fondo casalinghe. Versando una somma di denaro variabile nel corso degli anni, al momento dell’età pensionabile è possibile ricevere una sorta di pensione. Questa soluzione è consigliabile anche per altri tipi di lavoratori.

Tra i destinatari di questo assegno ci sono anche tutte quelle persone che hanno lavorato per anni senza un contratto e quindi senza versare i contributi. Lavorare a nero è infatti decisamente molto penalizzante ai fini pensionistici perché non avendo mai versato i contributi non è possibile riscattare gli anni di lavoro.

Ma torniamo un attimo alla pensione casalinghe e vediamo insieme quali potrebbero essere gli importi mensili. L’assegno sociale corrisponde a 460 euro per tredici mensilità. Ma solamente se il reddito complessivo non supera un determinato limite.

Come dicevamo i suddetti importi possono variare a causa della situazione familiare. Una casalinga coniugata è molto probabile che prenda meno di una non sposata.

Nel primo caso l’importo dell’assegno potrebbe essere quindi inferiore ai 460 euro di cui sopra. Soprattutto se sono presenti dei redditi superiori ai limiti fissati dalla legge. È inoltre possibile poter usufruire di una quota aggiuntiva, ovvero una sorta di maggiorazione. Anche in questo caso solamente se non si supera la soglia del reddito.

Sullo stesso argomento potrebbe interessarti leggere anche: In pensione 5 o 10 anni prima? Ecco le possibili soluzioni