Pensione INPS con stipendio di 1000 euro

Pensione INPS con stipendio di 1000 euro, a quanto ammonterà? Chi riceve uno stipendio di 1000 euro mensili può ottenere l’accredito di un intero anno di contributi previdenziali ai fini della pensione. Anche se il contratto di lavoro è part – time.

Se percepisci anche la pensione di reversibilità, hai diritto a ricevere la pensione per intero senza alcuna riduzione.

La pensione di reversibilità si riduce se si percepisce un reddito superiore a 3 volte il trattamento minimo, ovvero se supera i 1522,23 euro.

A quanto ammonterà la pensione INPS con uno stipendio di 1000 euro?

Chi ha uno stipendio pari a mille euro può ricevere anche l’assegno di invalidità e, ovviamente, l’invalidità dev’essere riconosciuta dall’inps e dev’essere superiore ai due terzi. In questo modo si ha diritto all’assegno di invalidità per intero senza alcuna riduzione. Si riduce nel caso in cui si percepisce un reddito superiore a quattro volte il trattamento minimo o è superiore a 2029,64 euro mensili.

Se si ha uno stipendio inferiore 1000 euro al mese spetta il mantenimento. Lo scorso maggio ad esempio, la Cassazione ha riscritto le regole sul mantenimento dell’ex coniuge ed è stato stabilito il diritto all’assegno che spetta a colui o colei che non ha un reddito tale da mantenersi da solo.

Se guadagno meno di mille euro al mese a cosa ho diritto?

Con uno stipendio inferiore a mille euro al mese si è anche esenti dal canone Rai. Quindi non bisogna pagare l’abbonamento alla TV per chi ha più di 75 anni ed ha un reddito annuo inferiore a 6713 euro. In questo caso però va calcolato anche il reddito dell’eventuale coniuge.

Inoltre, chi ha un ISEE che non supera i 6mila euro, spetta il nuovo reddito di inclusione. Questo è un recente provvedimento introdotto dal Governo. Ne può beneficiare chi ha in possesso:

un patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 € euro;

un patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10.000 € (o a 8.000 € per la coppia e a 6.000 € per la persona sola).

Leggi anche: Busta paga e assegno unico, importanti novità