Pensioni, cambia tutto dall’1 gennaio 2022

Pensioni 2022, addio a Quota 100. Ci sono 5 proposte sul tavolo del Governo. Entro la di questo anno si dovrà decidere sul futuro dell’impianto pensionistico.

Pensioni 2022: addio Quota 100, tre proposte sul tavolo del Governo

Ci saranno grandi cambiamenti nel prossimo anno per quei cittadini che vogliono andare in pensione dall’ 1 gennaio del 2022. La pandemia da Covid ha causato una grave crisi economica, è la peggiore degli ultimi dieci anni. Per contrastare un rischio maggiore, il Governo sta studiando un nuovo piano e l’approvazione di nuove misure economiche per sostenere i lavoratori, in particolare il commercio, il turismo e le attività imprenditoriali.

Potrebbe interessarti anche: Novità per la pensione anticipata: chi può accedervi tra il 2021 e il 2023

Il piano Quota 100 sta per scadere. Questo sistema permette q chi ha raggiunto 38 anni di contributi di poter andare in pensione una volta compiuti i 38 anni di età. Questa possibilità però ha scadenza al 31 dicembre 2021.

Dall’ 1 gennaio 2022 infatti cambieranno le condizioni per quei cittadini che decideranno di uscire dal mondo del lavoro.

Le tre nuove proposte sul tavolo:

Sono Quota 41, Quota 92 e Quota 102. Con Quota 41 il cittadino che ha raggiunto i 41 anni di contributi, può chiedere l’uscita anticipata indipendentemente dall’età.

Con Quota 92 invece, alcuni cittadini potranno usufruire della pensione anticipata con almeno 30 anni di contributi ma con il compimento di 62 anni di età. Ma questa opzione però è riservata solo a coloro che svolgono lavori usuranti e che accettano un trattamento previdenza in base ai calcoli sul sistema contributivo.

Ed infine, c’è Quota 102. Questa può interessare a quei cittadini che hanno richiesto la pensione anticipata ma che hanno 64 anni di età e 38 o più anni di contributi.

Sullo stesso argomento ti consigliamo di leggere anche: Pensione anticipata, brutta notizia per gli italiani: si rischia una decurtazione record