Pensioni, ecco come funziona Quota 41: tutto ciò che c’è da sapere

Pensioni,-ecco-come-funziona-Quota-41-tutto-ciò-che-c'è-da-sapere

Pensioni, come funziona Quota 41? Affrontiamo uno degli argomenti più delicati nel nostro paese, ovvero la pensione. Non molti lo sanno, ma esiste una seconda possibilità per i lavoratori che vogliono approfittare di quota 41 per andare in pensione.

Il pensionamento anticipato, secondo la normativa attualmente vigente, prevede delle forme di agevolazione soprattutto dal punto di vista della flessibilità. Quali sono i requisiti per poter usufruire di Quota 41? Vediamo insieme tutte le informazioni utili al riguardo.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: Pensioni, Draghi vicino allo stop a Quota 100, ecco tutte le ipotesi.

Pensioni, come funziona quota 41: i destinatari, le scadenze e i requisiti

La scadenza per presentare la domanda per la pensione anticipata scade ogni anno il 1 di Marzo. Non molti sanno che però è possibile presentare domande fino al 30 Novembre. Le domande presentate in ritardo saranno prese in considerazione solo se ci sono le risorse finanziarie per potere sostenere.

Come fare domanda? Basta collegarsi sul sito dell’Inps oppure rivolgersi ai patronati. Ma quali sono i requisiti per poter accedere a Quota 41? Serve un’anzianità contributiva al 31/12/1995 con 12 mesi di contributi effettivi prima dei 19 anni.

Le persone con questo requisito potranno quindi andare in pensione, entro il 31/12/2026, al raggiungimento dei 41 anni di contributi, a prescindere dalla loro età; a patto ovviamente che rientrino in una delle categorie con diritto all’Ape Sociale.

Per poter agevolar di Quota 41 ci sono però ulteriori requisiti. Esistono infatti 4 categorie di lavoratori:

  • Caregiver, ovvero le persone che al momento della presentazione delle domande assistono un parente di primo grado o un coniuge con invalidità da almeno 6 mesi.
  • Lavoratori con invalidità civile
  • Dipendenti in disoccupazione che da almeno 3 mesi non percepiscono la Naspi o nessun’altra indennità.
  • Lavoratori che fanno un lavoro usurante o gravoso.

Ultima cosa da sapere è che i 41 anni di contributi possono essere raggiunti (su richiesta dell’interessato) anche tramite un accumulo di periodi assicurativi. Ecco invece tutto ciò che c’è da sapere sull’idea di Draghi di eliminare il bollo auto.