Pillola Merck: è in arrivo anche in Italia. Come funziona

In una nota dell’Agenzia italiana del farmaco, gli esperti comunicano che è in arrivo la pillola Merck nel nostro Paese. In questo articolo vi spieghiamo come funziona e quando prenderla.

È in arrivo la pillola Merck in Italia: come funziona e quando prenderla

L’Aifa, la Commissione tecnico scientifica dell’agenzia italiana del farmaco, ha utilizzato due antivirali contro il Covid. Sono il molnupiravir e il remdesivir, servono per il trattamento dei pazienti non ospedalizzati per Covid. Ma che presentano una malattia lieve o moderata di recente insorgenza e con condizioni cliniche concomitanti che rappresentino: “specifici fattori di rischio per lo sviluppo di una forma grave“. Gli antivirali saranno presto distribuiti dal Commissario. A darne notizia è la stessa agenzia.

La pillola Merck anti-Covid, molnupiravir, è un antivirale orale che viene autorizzato per una distribuzione in condizioni di emergenza con Decreto del Ministero della Salute del 26 novembre 2021. L’uso è indicato entro 5 giorni dall’insorgenza dei primi sintomi. Consiste nell’assunzione di 4 compresse da 200 mg per 2 volte al giorno ad un massimo di 5 giorni.

Sullo stesso argomento ti consigliamo di leggere anche: Nuovo decreto anti-Covid, cosa cambia: tutte le nuove regole

Il molnupiravir verrà distribuito da parte della Struttura Commissariale guidata dal generale Francesco Paolo Figliuolo. Per la sua prescrizione è precursore l’uso di un Registro di monitoraggio che sarà poi accessibile sul sito dell’Agenzia.

Di recente, per remdesivir l’Ema ha esteso l’indicazione relativa al trattamento dei soggetti che non si trovano in ossigeno-terapia ad alto rischio di Covid in forma grave. Può essere somministrato fino a 7 giorni dall’insorgenza dei sintomi. Se la somministrazione è endovenosa, la durata del trattamento è di tre giorni.

“La prescrizione ed il trattamento – si legge nelle indicazioni – devono garantire la somministrazione del prodotto il piu’ precocente possibile rispetto all’insorgenza dei sintomi. E comunque non oltre i 5 giorni dall’inizio degli stessi”.