Questa famiglia non usa più la carta igienica, ma un rotolo riutilizzabile: ecco come fanno

Questa famiglia non usa più la carta igienica, ma un rotolo riutilizzabile ecco come fanno

La storia della famiglia che non usa più la carta igienica ha fatto in pochissimo tempo il giro del web. Come si può fare a meno di questo oggetto che sembra indispensabile? Secondo Kelsey, mamma di due figlie, basta sostituirlo con un rotolo fai da te, rigorosamente riutilizzabile.

Kelsey ha 42 anni e ormai il suo stile di vita ha fatto il giro del mondo. Perché? Perché tre anni fa questa donna ha deciso di dire basta alla carta igienica e di sostituirla con delle salviettina lavabili e riutilizzabili. Lei e la sua famiglia compravano 288 rotoli di carta igienica all’anno: adesso servono solo delle salviettine. Vediamo insieme i dettagli di questa vicenda.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: Ragazza di 15 anni con progeria “torna” giovane grazie alla chirurgia plastica.

La famiglia che non usa più la carta igienica: ecco come fanno 

Le ragazze hanno storto un po’ il naso all’inizio. Ma quando hanno provato hanno detto che sembrava davvero morbido e non così grossolano come pensavano che sarebbe stato. A Neave non piace se sono stati asciugati sul radiatore, perché li rende duri e ruvidi. Quindi mi assicuro di asciugarli naturalmente sullo stendibiancheria o su una gruccia.

Con queste parole, Kelsey come la sua famiglia ha inizialmente reagito alla sua decisione. La donna ha due figlie di 10 e di 12 anni, che nonostante un primo momenti di proteste, oggi si sentono perfettamente a loro agio con le salviettine riutilizzabili.

La donna ha raccontato di come, quando nel pieno della prima ondata di Covid, con i rotoli di carta igienica che sparivano alla velocità della luce, lei si sia sentita fiera della sua scelta.

Ma come funziona? Una volta utilizzate, le salviettine vengono depositate in un cestino in bagno, per poi essere lavate e nuovamente riutilizzabili. Secondo il racconto della donna, la parte difficile arriva quando in casa ci sono ospiti.

Non tutti infatti si sentono a loro agio con questo stile di vita. E come potremmo biasimarli? Ecco invece la storia del bambino di tre anni che prepara la cena a tutta la famiglia (video).