Questo bambino di 6 anni usa una tecnica di respirazione controllata per calmare il fratello durante uno scatto d’ira (video)

Questo bambino di 6 anni usa una tecnica di respirazione controllata per calmare il fratello durante uno scatto d'ira (video)

Il video del bambino che utilizza una tecnica di respirazione controllata per calmare il fratello minore colto da uno scatto d’ira ha fatto il giro del web in pochissime ore. La mamma dei due bambini che ne sono protagonisti ha avuto la prontezza di riprendere la scena, pubblicandola poi su Instagram.

Il video ha avuto un successo davvero incredibile! Il filmato mostra un bambino che prova a calmare il suo fratellino in modo molto dolce. Un momento davvero emozionante che è riuscito a commuovere migliaia di persone.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: Lyndsey Hoover pesava 146 Kg, ma un giorno ha detto basta: la sua trasformazione.

Il video del bambino che usa una tecnica di respirazione controllata per calmare il fratellino durante uno scatto d’ira

A riprendere la scena ci ha pensato Ashley West, una ragazza di 30 anni che vive a Los Angeles. Ashley ha tre figlio e ha insegnato loro una tecnica di respirazione controllata per calmare gli scatti d’ira.

Quando qualche giorno fa ha visto uno dei suoi figli utilizzare questa tecnica per calmare il fratellino minore, quasi non credeva ai suoi occhi. Noah, il figlio di 8 anni, è riuscito a far calmare Cory, il fratellino di 4 anni, in modo molto commovente.

Cory era arrabbiato perché non poteva giocare al suo Nintendo Switch. Preso da un momento di rabbia, ha iniziato a dare in escandescenze, fino a quando non è intervenuto il suo fratellone.

Il momento è davvero molto bello. Noah spiega a Cory come inspirare con il naso e espirare dalla bocca, facendogli capire che deve respirare invece di protestare. La madre dei due bambini ha commentato così il video:

Va bene, quindi … non mi aspettavo che questo video avesse tutto questo successo! Chi mi conosce sa che io e miei bambini meditiamo spesso e ci esercitiamo a controllare il nostro respiro e a gestire le nostre emozioni.

Ecco invece la storia di Connor Keaney, il ragazzo che indossa vestiti femminili perché “sono materiali, non hanno genere”.