Reddito emergenza, al via le domande

Da ieri 10 novembre fino al 30 novembre è possibile presentare domanda per ottenere il reddito di emergenza. Questo beneficio è stato messo in campo dal Governo per sostenere le famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza Covid.

L’importo è esteso per due mensilità, ovvero novembre e dicembre. Ecco chi può presentare domanda:

Questo beneficio è simile al reddito di cittadinanza ma si può accedere con criteri molto stringenti. Il Rem fino ad ora è stato erogato fino a 290 famiglie, l’importo medio è di 558 euro.

Da ieri 10 novembre si può chiedere il reddito di emergenza, secondo quanto previsto dal decreto Ristori, per i mesi di novembre e dicembre. Il Reddito di emergenza era stato già prorogato con il decreto di maggio per un’ulteriore mensilità.

Leggi anche: Covid, spuntano 2 date decisive per decidere sul lockdown nazionale

Reddito di emergenza: requisiti

Per accedere al Rem servono alcuni requisiti. Prima di tutto bisogna avere la residenza in Italia, il valore del reddito familiare deve essere inferiore alla soglia pari all’ammontare del beneficio.

Quindi, il valore del patrimonio familiare non deve superare i 10mila euro. A questo si aggiunge il tetto massimo di 5mila euro per ogni componente aggiuntivo, fino ad un massimo di 20mila euro.

Il massimale viene incrementato di 5mila euro se si ha un componente familiare con disabilità grave. L’Isee però deve essere inferiore ai 15mila euro.

Reddito di emergenza, come presentare domanda

È possibile presentare la domanda per richiedere il Reddito di emergenza con la Dichiarazione sostitutiva unica ai fini Isee, ordinario o corrente. Se nel nucleo familiare vi è un componente con meno di 18 anni, bisogna presentare l’Isee minorenni.

Bisogna rivolgersi ai Caf o al Patronato. Ma è anche possibile effettuare la richiesta tramite il sito Inps, autenticandosi con Pin, Spid, Carta nazionale dei Servizi o Carta di identità elettronica.

Ti consigliamo di leggere anche: 15 anni di contributi INPS, quando è possibile andare in pensione