Sete eccessiva, scopri alcune delle possibili cause

sete-eccessiva-scopri-alcune-delle-possibili-cause

Bevi continuamente senza sollievo? E senti il bisogno costante di introdurre fluidi nell’organismo? La sete eccessiva, potrebbe essere il segno di un altro problema di salute.

Anche se bere in abbondanza è una buona abitudine, la necessità di farlo continuamente potrebbe essere dovuto a una condizione che potrebbe influire sulla salute senza che tu ti accorga del pericolo. In effetti, può essere la spia di un disturbo fisico o psicologico.

Quando si ha una sete eccessiva, ci troviamo di fronte a un disturbo poco conosciuto, scopri le possibili cause:

Si tratta della polidipsia, uno dei sintomi tipici del diabete, spesso accompagnato dalla perdita di peso, aumento dell’appetito e debolezza. Ma quando è il caso di preoccuparsi?

L’avere sete è il modo in cui il tuo corpo ti dice che l’acqua essenziale per funzionare bene, sta finendo. È normale avere sete quando fa caldo o dopo aver eseguito un allenamento intenso. Invece, se non riusciamo a saziare il bisogno di idratazione, deve essere visto come un campanello d’allarme.

Le cause più frequenti della sete eccessiva possono essere: la polidipsia psicogena, si tratta di uno stato di sete intensa che porta il paziente a ingerire notevoli quantità di liquidi sulla base di un disturbo esclusivamente psicogeno e senza alcuna ragione organica, quindi causato da fattori come ansia, patologie psichiatriche, stress e noia.

Può essere Indotta, pertanto legata all’assunzione di farmaci diuretici, antidepressivi o per la pressione alta. Infine, compensatoria collegata ad un basso livello di ormoni e l’eccessiva necessità di urinare frequentemente.

Come puoi vedere, un sintomo apparentemente innocuo potrebbe essere il segno di diverse condizioni di salute, alcune addirittura pericolose. Qualunque sia la causa, non conviverci.

La maggior parte delle condizioni che causano la sete sono curabili, non sottovalutarle consulta invece un professionista della salute.

LEGGI ANCHE: Colazione prima delle 8:30, perché è importante l’orario?