Smettere di fumare, nuova scoperta efficace

Si può smettere di fumare, arriva una nuova soluzione super efficace. Gli scienziati hanno messo a punto un nuovo metodo che promette bene.

Non è facile per molti fumatori togliersi questo brutto vizio dannoso per la salute di sé stessi e degli altri. C’è chi le prova tutte, da un approccio soft a uno drastico. Negli ultimi tempi sono stati introdotti dei metodi alternativi per cercare di smettere.

Il più recente si chiama TMS, Transcanial magnetic simulation. Questo è un metodo di Stimolazione Magnetica Intracranica e viene descritto accuratamente dal Journal of Neuropsychiatry and Clinical Neurosciences.

Il metodo consiste nell’applicazione di due cerchi in una precisa parte della testa, precisamente dove risiede la corteccia prefrontale. In questo modo, dopo circa dieci minuti ci sarà un calo di voglia di assumere nicotina.

Precisiamo che il metodo di Stimolazione Magnetica Intracranica non fa male. Fa semplicemente calare la stimolazione che ci induce a voler assumere nicotina. Questo procedimento avviene nel corso di un arco di tempo stimato in due settimane. La tecnica è ancora in via di definizione, ma si conferma efficace.

Anche il professore associato di Psichiatria all’Università di Firenze, Stefano Pallanti, conferma l’efficacia del metodo:

È uno strumento duttile, non invasivo, non doloroso. Guardando su You Tube si può vedere come lo si impiega. Diciamo che è uno stimolatore con cui si cerca di modulare questo o quel circuito cerebrale per ridurne o per aumentarne l’attività. Nel caso della depressione resistente il protocollo della Food and Drug Administration prevede di ridurre l’attività dell’emisfero destro e di aumentarla nell’emisfero sinistro“.

Ed aggiunge:

Con le neuromodulazioni della Tms si ottiene un aumento nella secrezione della dopamina sia direttamente sia attraverso la stimolazione del sistema del glutammato e questo evento facilita il controllo rispetto alla gratificazione che dà la sigaretta”.

Leggi anche: Le amiche fanno bene alla salute: parola di scienza