Sospensione del mutuo grazie al Decreto Cura Italia

Grazie al Decreto Cura Italia è possibile richiedere la sospensione del mutuo, quindi uno stop momento sulle rate da pagare. Ma questo è possibile solo in determinate condizioni.

Sono state introdotte nuove misure con il Decreto Cura Italia, una di queste è la sospensione del mutuo. Un’agevolazione per tutte le famiglie in difficoltà a causa della pandemia che stiamo vivendo legata al Coronavirus.

Sospensione del mutuo, quando si può richiedere?

L’articolo 54 del Decreto Cura Italia, regola la disciplina del cosiddetto Fondo Gasparini. I titolari di un contratto di mutuo per la prima casa possono ottenere una sospensione del pagamento delle rate fino a 18 mesi.

Sospensione del mutuo, quali requisiti?

Tutti gli intestatari in possesso di un contratto di mutuo che hanno perso il lavoro, possono richiedere la sospensione delle rate. Ma anche i lavoratori che hanno subito una riduzione delle ore di lavoro per 30 giorni e per almeno il 20%. Oppure la sospensione dal lavoro per almeno 30 giorni.

Questo comprende sia i lavoratori autonomi che i liberi professionisti, devono però dimostrare un calo del proprio fatturato. Deve essere superiore al 33% del fatturato dell’ultimo trimestre del 2019.

Leggi anche: Arriva la cancellazione della seconda rata dell’Imu: ecco gli immobili interessati

La durata della sospensione

Il pagamento delle rate può essere sospeso per una durata massima di:

6 mesi se la riduzione o la sospensione delle ore di lavoro ha una durata che va da 30 a 150 giorni lavorativi,

12 mesi, se la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro ha una durata compresa tra 151 e 302 giorni lavorativi consecutivi,

18 mesi se si ha una durata superiore di 303 giorni lavorativi consecutivi,

Va ricordato che la sospensione del mutuo può anche essere per periodi di tempo non consecutivi.

Come ricevere la sospensione

Non serve presentare l’Isee ma bisogna compilare il modulo messo a disposizione sul sito della Consap. Ovviamente è necessario rivolgersi alla propria banca.