Super assegno per le mamme: come richiederlo e chi ne ha diritto

L’Inps mette a disposizione un super assegno per le mamma di oltre 1.600 euro. Secondo la recente circolare n. 4252 del 13 novembre 2020, è possibile ottenere dei benefici economici se si hanno figli.

Ad oggi sono tantissime le richieste di sussidi e misure finanziarie che i contribuenti formulano. Ancor di più ora in questo momento così difficile. Sono ancora più in affanno le famiglie con figli minorenni a carico.

Il Governo sta mettendo a disposizione delle agevolazioni ai contribuenti con più rischio di povertà. I neogenitori invece possono richiedere assegni che vanno anche oltre i 1.600 euro per le mamme con più figli.

Super assegno per le mamme, come funziona

Si può ricevere un assegno di 800 euro alla nascita di un figlio che l’Ente previdenziale mette a disposizione per le donne al settimo mese di gravidanza. È possibile ottenerlo nel momento della nascita o all’adozione di un minorenne.

In caso di parto gemellare o di adozione con più bambini, la neomamma può richiedere dei sussidi aggiuntivi per ogni figlio.

Leggi anche: Con l’assegno unico 2021 alcune misure saranno abolite

La donna può presentare la domanda per il riconoscimento all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza. Dopo il parto gemellare potrà inoltrare un’altra richiesta per ricevere il super assegno indicando il codice fiscale del gemello o degli altri gemelli.

Il premio può oscillare da 1.600 fino a 2.400 euro in base al tipo di parto che può essere bigemellare o trigemellare.

Assegno di maternità dei Comuni

È possibile richiedere l’assegno di maternità dei Comuni se si è cittadine italiane o residenti in Italia al momento del parto. Le cittadine non comunitarie che risiedono in Italia devono essere in possesso di uno di questi titoli di soggiorno:

– permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
– carta di soggiorno.

Potrebbe interessarti anche: Bonus sociale, un aiuto per pagare le bollette: ecco come funziona e chi ne ha diritto