Paolo Crepet – Perché siamo felici

Il tossico seme della infelicità odierna non è forse rintracciabile in quel muto accalcarsi, in quello sfuggire/sfuggirsi, in quella perdita di identità individuale e collettiva?

large

Certa frenesia metropolitana non somiglia all’angosciante fuga continua di criceti in una gabbia troppo stretta, costretti a rincorrere la propria coda? L’uomo contemporaneo cerca invano di scappare per non dover riconoscere l’ombra della propria anima, per non fare i conti con la propria inaudita infelicità.

Paolo Crepet – Elogio dell’amicizia

Che cos’è l’essenziale?
Perché l’essenziale non lo si coglie quando i conti tornano, ma soltanto quando il sipario cala all’improvviso e non resta che una platea vuota e ci si sente immensamente soli.

04-25-childhood-friend-250712

Una solitudine benefica perché non concede sconti o proroghe.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...