Tassa su extra-profitti: di cosa si tratta

Il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, ha anticipato una nuova misura. Una tassa sugli extra-profitti che serve per tassare i guadagni fatti dalle utilities grazie all’aumento dei prezzi del gas. Vediamo di cosa si tratta:

Caro bollette, arriva la tassa su extra-profitti: cosa è

Durante la conferenza stampa a Montecitorio, Giancarlo Giorgetti ha spiegato: “Credo che sia opinione condivisa all’interno del governo. Gli extra-profitti di coloro che, in relazione a questa situazione del tutto particolare, stanno registrando, debbano in qualche modo contribuire alla fiscalità generale. Per permettere di intervenire nei confronti delle categorie più svantaggiate”. E ha aggiunto: “Le modalità le sta studiando il ministero dell’Economia. Ma credo che si andrà in questa direzione”.

Secondo i politici l’energia e le bollette saranno un’ emergenza del 2022 che va assolutamente risolta. Matteo Salvini ha dichiarato: “Ho chiesto a Draghi entro gennaio uno sforzo in più. Soprattutto per le imprese, contro il caro energia”.

Arriva una nuova maxi tassa: brutte notizie per gli italiani. L’annuncio poco fa

Il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, afferma: “Le cosiddette Big Pharma o alcune imprese della logistica e dei servizi, ad esempio, hanno accumulato consistenti guadagni“. Dunque, per lui è giusto prevedere un’aliquota aggiuntiva sui profitti.

“I proventi di tale gettito fiscale dovrebbero essere messi a disposizione come investimenti per il rilancio della produzione e dell’economia. E per contribuire a ridurre le diseguaglianze”.

Il Movimento Cinque Stelle dice sì

L’idea di tassare i profitti delle società energetiche è stato anche apprezzato dai Cinque Stelle. Infatti hanno inserito la proposta in un pacchetto di 4 proposte proprio contro il Caro bollette. Il leader del Movimento Giuseppe Conte ha dichiarato che prima di tutto ci vorrebbe l’azzeramento dell’Iva 2022 sull’aumento delle bollette rispetto ai prezzi medi del 2021. E inoltre, “un contributo di solidarietà da parte degli operatori che hanno ottenuto importanti profitti – senza aumento di costi – dai rincari di questi mesi”.