Valentina Pitzalis, una storia dolorosa. Com’era prima

Valentina Pitzalis è stata ospite di Verissimo per raccontare la sua drammatica storia. È stata vittima di violenze da parte del suo ex marito. Una donna che, nonostante il drammatico incendio, dimostra forza e coraggio.

Sul proprio corpo porta i segni lasciati dal fuoco. Una storia fatta di abusi e violenze che raggiunge il culmine con l’incendio appiccato dal suo ex marito. È successo nel 2011 e da quel giorno la vita di Valentina Pitzalis è totalmente cambiata.

Valentina Pitzalis e Manuel Piredda

I due si conoscono nel 2005 e nello stesso anno vanno a vivere a casa di Manuel insieme ai suoi genitori. Dopo non molto tempo arriva ol matrimonio. La coppia si sposa il 4 marzo del 2006. Manuel Piredda aveva problemi con la droga, ma non solo. Inizia a limitare la libertà di sua moglie, addirittura la chiudeva in casa quando andava a procurarsi la droga.

Valentina non è riuscita a sopportare a lungo questi comportamenti, così decide di separarsi. L’uomo non si rassegnava alla separazione ed ha tentato di darle fuoco appiccando un incendio nella sua casa di Bacu in Sardegna. La ragazza è riuscita a sopravvivere al tentato femminicidio, Manuel è morto durante l’agguato.

Leggi anche: Ilaria Capua, la rivoluzione nei cinema e nei teatri

Lei è stata vittima di quell’uomo eppure in questi anni molti si sono scagliati contro di lei. Oltre alla tragedia che l’ha resa invalida al 100%, Valentina Pitzalis ha dovuto affrontare una battaglia legale contro la famiglia di Manuel Piredda. Era stata accusata di omicidio colposo, incendio doloso e istigazione al suicidio:

“Questi nove anni sono stati all’insegna di una campagna d’odio e di diffamazione pazzesca e ferocissima da parte dei genitori di Manuel che sostenevano che io fossi la reale carnefice e che abbia ucciso il loro figlio”, ha raccontato la ragazza a Silvia Toffanin.