Raffica di lettere in arrivo dal Fisco: attenzione! Ecco cosa sono e cosa bisogna fare

Brutte notizie per tanti italiani, stanno per arrivare una raffica di lettere dal Fisco. L’agenzia delle entrate sta inviando le cosiddette lettere di compliance. Ecco cosa sono:

Raffica di lettere in arrivo dal Fisco: attenzione! Ecco cosa sono e cosa fare

L’agenzia delle entrate in una recente comunicazione ha spiegato di aver iniziato ad inviare una raffica di lettere a molti italiani. Le lettere sono destinate ai titolari di partita IVA per i quali emergono delle differenze tra il volume di affari dichiarato e l’importo delle operazioni comunicate dai contribuenti e dai loro clienti. Il documento è quindi un invito a regolarizzare la propria posizione.

Insomma, le lettere che l’Agenzia delle Entrate sta per inviare ad alcuni contribuenti è un invito a regolarizzare la propria posizione, vengono riportate delle anomalie rinvenute nelle loro dichiarazioni dei redditi che riguardano omissioni riscontrate mettendo a confronto i dati dichiarati con quelli che l’Agenzia ha a disposizione nelle proprie banche dati.

Potrebbe interessarti anche: Reddito di cittadinanza, attenzione: se non fai questa procedura te lo tolgono

Cosa deve fare il contribuente che riceve questa comunicazione? Può regolarizzare la propria posizione presentando una dichiarazione dei redditi integrativa e versando le imposte dovute, insieme agli interessi, nonché le sanzioni in misura ridotta come prevede l’articolo 13 del decreto legislativo n. 472 del 18 dicembre 1997.

Se il contribuente in questione ritiene di essere in regola con gli adempimenti o nota delle inesattezze nella comunicazione dell’Agenzia delle Entrate, può chiarire la propria posizione inviando una documentazione attraverso il canale di assistenza CIVIS ed eventualmente mettersi in contatto con la Direzione Provinciale di competenza.

Come viene precisato nel provvedimento, il contribuente che ha intenzione di mettersi in contatto con la Direzione Provinciale competente può farlo utilizzando la posta elettronica certificata, l’e-mail ordinaria o il telefono.

Ti consigliamo di leggere anche: Attenzione, Inps: assegno fino a 946 euro al mese per chi soffre di questo disturbo